Skip to content

Perché Nel Bonus Ristrutturazione 2019 È Importante Segnalare Le Riforme Energetiche?

Scopri tutto sul bonus ristrutturazione 2019 ed ecobonus, un vantaggio che aiuta a ristrutturare edifici e condomini.



Il bonus ristrurrurazioni ha il maggior successo in quanto consente di beneficiare di una detrazione fiscale per determinati lavori e spese.

La detenzione dei lavori di ristrutturazione edilizia è rimasta invariata negli anni. Ad eccezione della nuova funzionalità che è stata confermata per quest’anno: l’obbligo di segnalare all’ENEA le spese sostenute per i lavori di ristrutturazione che comportano anche un risparmio energetico.

Con questo nuovo cambiamento, molte persone si chiedono come funziona il bonus ristrutturazioni e quali lavori possono beneficiare della detrazione fiscale del 50%.

Ma prima di dare un’occhiata alle regole, per coloro che cercano di rinnovare la casa, ricordiamo che ecobonus, bonus mobili e bonus verdi sono in vigore fino al 31 dicembre.



Scopri Di Più:

Come Richiedere Il Bonus Ristrutturazione 2019?
Come Richiedere Il Bonus Ristrutturazione 2019?

Come Richiedere Il Bonus Ristrutturazione 2019?

Come già previsto nella Legge di bilancio 2018, viene confermato l’obbligo di comunicare all’ENEA informazioni sugli interventi effettuati entro 90 giorni dalla data di completamento dei lavori.



I bonus sono per tutti gli effetti delle detrazioni: se utilizzati, nelle successive dichiarazioni fiscali (per 10 anni) quello in cui è stato eseguito il lavoro.

Traduzione: pagherai meno tasse in base alla quota di spese sostenute per questi lavori.

Un esempio: nel 2019 abbiamo eseguito opere per 50.000 euro. Rimanendo sotto il massimale, tutti saranno deducibili.

Dato che la detrazione sarà del 50%, possiamo raccogliere 25 mila euro in 10 anni, 2500 euro all’anno. In pratica, pagheremo 2500 euro in meno dell’imposta sul reddito delle persone fisiche dal 2020 al 2030.

Bonus Di Ristrutturazione 2019: Come Funziona La Detrazione Fiscale Del 50%?

Con il bonus, i contribuenti possono detrarre dall’imposta sul reddito delle persone il 50% delle spese sostenute per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. L’importo massimo per la detrazione è di € 96.000.

Il rimborso dell’imposta sul reddito sarà versato in 10 rate annuali e in pari importo. Per beneficiare della riduzione delle imposte sui costi sostenuti è necessario seguire una serie di regole.

Per scoprire come funziona il bonus fiscale ristrutturazione 2019 e quali sono i lavori deducibili dalle tasse, puoi fare riferimento alla legislazione attuale e guidare con le istruzioni e le notizie pubblicate dall’Agenzia delle entrate con gli ultimi aggiornamenti.

Vedere in: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/

Bonus Ristrutturazioni 2019:

Come abbiamo già detto, il bonus ristrutturazione consiste in una detrazione dell’imposta sul reddito personale pari al 50% dei costi sostenuti fino a un limite di € 96.000.

Entro il 2019, l’importo e la percentuale del bonus rimarranno invariati, il che significa che non è necessario temere, nemmeno andare fuori di testa per il tanto temuto ritorno alle origini o la misura originale prevista dal TUIR (detrazione del 36% fino a spese di 48.000 euro).

La detrazione del 50% è riconosciuta da:

  • manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro, restauro conservativo e ristrutturazione di edifici realizzati in parti comuni di edifici residenziali, ovvero condomini (interventi indicati nelle lettere a), b), c) ed) dell’articolo 3 del decreto presidenziale 380/2001);
  • interventi straordinari di manutenzione, restauro e restauro, ristrutturazione di edifici realizzati in singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurale e di appartenenza (interventi elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del decreto presidenziale 380/2001).

Diamo un’occhiata ad alcuni esempi di lavori di manutenzione ordinaria, per i quali è riconosciuto il bonus ristrutturazione:

  • Installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • implementazione e miglioramento delle strutture sanitarie
  • sostituzione di raccordi e accessori esterni con tende e materiale o tipo di accessori modificati
  • ripercorrere scale e rampe
  • misure di risparmio energetico
  • recinzione in un’area privata
  • costruzione di scale interne.
Chi Sono Comunque I Beneficiari Del Bonus Ristrutturazione?
Chi Sono Comunque I Beneficiari Del Bonus Ristrutturazione?

Chi Sono Comunque I Beneficiari Del Bonus Ristrutturazione?

Il bonus di ristrutturazione può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti all’imposta sul reddito, residente o non residente in Italia.

La detrazione del 50% di Irpef può essere richiesta dal proprietario e dalle seguenti persone:

  • proprietari o nudi proprietari;
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • locatari o comodatari;
  • soci di cooperative divise e indivise;
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce;
  • soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Se è stato stipulato un contratto preliminare di vendita, la persona che ha acquistato la proprietà può usufruire del bonus se:

  • è entrato in possesso della proprietà;
  • esegue i lavori di ristrutturazione a proprie spese;

Le riduzioni fiscali sui lavori di ristrutturazione possono essere richieste anche a coloro che eseguono lavori sulla loro proprietà, ma solo per i costi sostenuti per l’acquisto del materiale.

Se ti adegui ad alcuni di questi servizi o se ti adatti ad alcune di queste categorie di lavoro, assicurati di registrarti, la detrazione fiscale è un modo per restituirti le tasse che vengono pagate durante l’anno con il tuo servizio.

Come Pagare:

Dovrai utilizzare un bonifico bancario o postale dove devono essere forniti i seguenti dettagli:

  • Motivo del pagamento: trasferimento a lavori di costruzione che autorizzano la persona a detrarre previsto dall’articolo 16-A del decreto presidenziale 917/1986;
  • Cod. fiscale del beneficiario della detrazione;
  • Cod. fiscale o partita IVA del beneficiario.

Il bonus ristrutturazione può essere richiesto anche se i lavori sono stati rimborsati con un aiuto bancário.

In questo caso, la società finanziaria dovrà pagare tramite bonifico bancario, seguendo tutte le istruzioni per l’archiviazione (indicando il contribuente della persona a cui viene effettuato il pagamento) e il titolare dell’esenzione fiscale deve continuare a ricevere il bonifico.

Perché È Importante Ecobonus?

Tutti i contribuenti, compresi i titolari di reddito aziendale, possono beneficiare di agevolazioni fiscali purché siano proprietari di un immobile sul quale possono effettuare interventi di riqualificazione energetica.

Il limite di costi per Ecobonus 2019 è indipendentemente dalla categoria catastale degli edifici esistenti:

  • € 100.000 per lavori di miglioramento energetico di edifici esistenti;
  • € 60.000 per edifici esistenti come opere di pareti, finestre e finestre;
  • € 60.000 per l’installazione di pannelli solari;
  • € 30.000 per sostituire i sistemi di climatizzazione invernale.

Con Ecobonus 2019, il proprietario (o l’inquilino o coloro che godono dei diritti reali) può beneficiare di una riduzione fiscale del 65% sulle spese totali sostenute (inclusa la progettazione e l’installazione del dispositivo), fino a un massimo di di 100.000 euro.

In breve, anche se conveniente, Ecobonus 2019 può essere utilizzato solo a rate. A meno che tu non decida di trarre vantaggio da un “codicillo” nel decreto di attuazione Ecobonus a tuo favore.

Il credito d’imposta ottenuto, infatti, può essere trasferito in un’unica soluzione alla società che esegue il lavoro o al fornitore dal quale vengono acquistati i materiali e i dispositivi per l’efficienza energetica. In questo modo non saremo più in grado di trarre vantaggio dall’esenzione fiscale decennale, ma potremmo ottenere quel valore da Ecobonus.

In effetti, puoi usufruire di uno sconto del 65% sui lavori di efficienza energetica che l’azienda ha svolto nel tuo appartamento.

Un esempio può aiutarti a comprendere immediatamente il funzionamento di questo processo:

Se, ad esempio, vogliamo installare un impianto fotovoltaico sul tetto della casa per la produzione di elettricità domestica per un costo totale di 10.000 euro …

Grazie a Ecobonus e alla possibilità di trasferire credito all’azienda che farà il lavoro, l’installazione di pannelli solari ci costerà solo 3.500 euro, mentre l’incentivo fiscale di 6.500 euro verrà utilizzato dall’installatore allo stesso modo per i singoli (10 rate annuali stesso importo da utilizzare nell’istruzione IRES).